Artemisia: madre degli aromi

Conosciuta  in Germania e nei paesi anglosassoni  con vari nomi che rispecchiano le sue caratteristiche,  come : assenzio selvatico, erba ginestra, erba del solstizio. L’Artemisia è una pianta anticamente  molto famosa e conosciuta, mentre oggi è considerata un comune odore non importante e poco usato.

Nella maggior parte delle culture l ‘artemisia  veniva collegata e rappresentata dalle Dee che simboleggiavano  protettrici  di animali selvatici e della donna in travaglio, custode della guarigione e della fertilità: Artemisia, Iside, Diana, Shiva, Maria.

La pianta forma molto polline e di solito è sinonima di Allergie.

Come aroma e spezia vengono usati i fiori e le foglie delicate.
Come  spezia ha un effetto  sano: stimola la digestione.
L’aroma della pianta prende il sopravvento dopo una lunga cottura, cottura o frittura, quindi si preferisce aggiungerla  all’inizio della preparazione del cibo.
In cucina si utilizzano solo boccioli di fiori e gli apici: salse, minestre, marinate, pesce, arrosti e tradizionalmente si usa nei paesi tedeschi e  anglosassoni nella preparazione del l’oca di Natale.

Per le applicazioni di guarigione fitoterapistica, è stata usata molto frequentemente in epoca antica e medievale,  vengono utilizzati sia le foglie, i fiori  e la radice.
Nella medicina cinese agisce come una pianta calda e viene utilizzata contro la flatulenza, malattie dello stomaco e intestinali, emorroidi e per regolare il flusso di energia. Le foglie sono usate nella medicina cinese per la moxibustione.
Anche tra gli antichi greci era molto importante nel  ramo ginecologico: contro dolori e crampi del mestruo e favoriva il sanguinamento in assenza di mestruazioni.  Essi usavano anche questa pianta per il disagio addominale, l’infiammazione ovarica, le perdite vaginali e cartilagine della vescica. Non dovrebbe essere usata, sottonessuna forma, in gravidanza e  negli stati febbrili.
Pediluvi, tè e cuscini a base di erbe con foglie di artemisia e fiori aiutano a gestire lo stress e disturbi del sonno nervoso. In erboristeria e nella medicina moderna, è utilizzato per mal di testa, perdita di appetito, la menopausa, nausea, disturbi nel ciclo mestruale, irrequietezza, problemi di cistifellea.

 TÈ
Non bere per più di una settimana  e al massimo 3 tazze al giorno, preferibilmente prima o durante i pasti..
Per il tè, versare un cucchiaino di foglie secche o fresche con 250 ml di acqua bollente e lasciare per tre minuti in infusione. Se non si ama il suo forte e amaro sapore, dolcificare con del miele.

PEDILUVIO
Far bollire due manciate dell’erba in fiore con tre litri d’acqua e lasciare in ammollo per cinque minuti. Filtrare e mettere nel bagno caldo ai piedi. Puoi anche usarlo freddo, contro i gonfiori.

TINTURA
La tintura può essere utilizzata internamente per problemi gastrointestinali ed esternamente per sgonfiare piedi, gambe e muscoli doloranti.
Per la tintura generalmente si utilizza la radice appena triturata e quindi riempire a metà un barattolo di vetro, versare oltre il 60% di alcol in modo che tutto sia coperto. Filtrare dopo 3 settimane e conservare in una boccetta contagocce scura.

OLIO
Si applica per massaggiare gambe stanche, piedi, dolori muscolari, tensione e reumatismi. Per preparare, schiacciare grossolanamente foglie, fiori e radici e riempire un barattolo di vetro a chiusura ermetica.
Riempire di olio. Non dovrebbero formarsi bolle. Agitare quotidianamente e lasciare per tre settimane in un luogo soleggiato. Quindi filtrare, conservare al fresco  in una bottiglia scura.

 USI NELLA MAGIA

Fumigazioni di artemisia venivano usate tradizionalmente da sciamani indoeuropee e  indiani  per scacciare gli spiriti maligni e le influenze negative e pulire mentalmente e fisicamente persone e luoghi.
Inoltre, il fumo ha un effetto calmante e calmante, aiuta con i rituali di pulizia energetica e pulizia aurica e la meditazione. L’incenso promuove un rilassamneto profondo, quasi una trance che guida a esperienze extracorporee, interpretazioni oniriche e chiaroveggenza.

Molto conosciuta è l’antica benedizione inglese delle nove erbe: una miscela di tradizioni germanico-celtiche, antiche e cristiane. Risale all’XI secolo e fu tradotto in tedesco da Johann Hoops nel 1889. Inizia con un tributo all’artemisia.
“Ricorda, artemisia, ciò che annunci, ciò che ordini in una manifestazione solenne.
Una, nome, la più vecchia delle erbe; Hai potere contro 3 e 30, hai potere contro il veleno e contro il contagio, hai potere contro il male che attraversa il paese. “
Si diceva che l’artemisia permetta la connessione tra il mondo degli dei e il mondo degli spiriti e il nostro mondo terreno.
Alla cerimonia del solstizio d’estate e nel Medioevo l’artemisia veniva gettata nel fuoco per bruciare tutto ciò che era dannoso e per proteggersi dal male.
Nel Medioevo, tradizionalmente, era legato a una cresta con le punte rivolte verso il basso per evitare fulmini.
I taoisti lo usarono per assicurarsi una lunga vita o cercarono di ottenere l’immortalità.

Un rituale celtico era il salto sul fuoco del solstizio estivo o invernale, in cui il cavaliere doveva indossare una cintura di artemisia intrecciata. Il saltare era stato tradizionalmente considerato  simbolo di scacciare le malattie.  Si narrava che la pianta donasse il potere di saltare senza bruciarsi e dopo il salto,  la cintura veniva gettata nel fuoco per liberarsi dalle negatività ed infleunze energetiche o demoniache dannose. Nei paesi tedeschi infatti viene anche chiamata MACHTWURZ, che significa quasi spezia del potere.

Usato anche come sacchetto magico, protegge dalle vibrazioni e dalle energie negative mentre la pura radice pulita viene indossata come  amuleto per la protezione da entità ed energie o protezione per le madri e i nascituri, da qui infatti il nome comune di Pianta di Maria nei paesi anglosassoni.

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: