RADICARCI E CONNETTERCI CON LA MADRE TERRA.

Per gli indiani d America la Terra veniva venerata come Madre Terra che era un emanazione divina che ci poteva non solo connettere con il Grande Spirito ma poteva anche ricaricarci di energia e attivare i processi di guarigione. Loro riuscivano a veder il Grande Spirito in tutto, nel sole, nell erba,nell acqua, in un singlo stelo d erba, in un respiro. Quindi gli indiani erano sempre connessi con il Grande Spirito e la Madre Terra.Ma come si puo cominciare a connettersi con la Terra e imparare a radicarsi in essa? Cominciamo a passi brevi, cominciamo ad andare nella natura e se possibile camminare a piedi nudi sulla terra, sulla sabbia, sulla riva di un fiume o del mare. All inizio cominciamo a cercare di concentraci su cio che i nostri sensi ci comunicano, cerchiamo di scacciare i pensieri quotidiani che ci affollano la mente, e cerchiamo di sentire solo il canto degli uccelli, la terra sotto di noi, quello ch evediamo senza soffermarci troppo su nessuna sensazione. Solo quando avremo la sensazione i aver cominciato a controllare i nostri pensieri e a riuscire a scacciarli con facilità cominciamo ad esercitarci a soffermarci solo su un senso. Quindi per un periodo cercheremo di focalizzare l attenzione su cio che vediamo cercando di captare tutte le sfumature possibili, i piccoli dettagli, poi passeremo all udito cercando di captare tutti i rumori piu fini , piu lontani, poi al tatto con le mani. Pian piano dopo questo cominciamo a sentire sotto i piedi. La fase successiva è unire il respiro cioè cerchiamo di inspirare l aria pura e trattenerla alcuni secondi in noi e poi espirarla con forza, cerchiamo di far diventare questo un esercizio unico, sentire e respirare. poi potremmo passare ad abbracciare un albero e soffermrci sulla forza che ci immette, a lasciarci lambire dalle onde e a lasciarci cullare, a distenderci al calore del sole e sentire la luce in noi, prendiamo un sassolino osserviamolo. Il quarto passo sarebbe quello piu difficile cioè cominciare a vedere la vita in ogni forma della natura quindi non solo animali ma anche un fiore, una foglia, un ruscello, una roccia. Cerchiamo di sentire questa vita, le sue pulsazioni, il suo respiro in noi, adesso non è piu importante immaginare ma il sentire, ogni elemento deve essere sentito come fosse una parte di noi e noi una parte di loro con rispetto ed umiltà, sentiamoci come fossimo al centro della terra e la terra, la natura intorno a noi e ci foniamo con essa, non esiste piu l albero ma noi siamo dentro l albero, dentro le foglie, i rami, il tronco, le radici.. gli indiani riuscivano a sentire il fruscio del vento in se stessi.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s